Esami diagnostici femminili

Dosaggi ormonali

Consistono in prelievi di sangue in particolari giorni del ciclo mestruale per la valutazione degli ormoni coinvolti nel meccanismo dell’ovulazione. Negli ultimi anni l’ormone Anti-Mulleriano (AMH) si è dimostrato un valido strumento per valutare la riserva ovarica. Lo studio del profilo ormonale è importante per identificare molte condizioni d’infertilità legate ad un’alterazione dell’assetto ormonale e per la valutazione, insieme alla conta dei follicoli antrali (esame ecografico), della riserva ovarica.

 


Ecografia pelvica trans addominale e trans vaginale 3D e 4D

Con l'ecografia pelvica transvaginale o transaddominale, è possibile visualizzare l'utero, l'endometrio, le ovaie, la vescica, evidenziando quindi qualsiasi alterazione anatomica e strutturale a cui questi organi possono andare incontro.

Si tratta di un esame innocuo per l'assenza di radiazioni ionizzanti, non doloroso, di esecuzione relativamente semplice , con risultato immediato. con l' ecografia trasvaginale si può valutare la  una conta dei follicoli antrali (AFC), che è indicativa della “riserva ovarica” di ciascun ovaio e dunque indica la capacità dell’ovaio di produrre ovociti durante un ciclo di riproduzione assistita.

Ecografia pelvica trans addominale e trans vaginale 3D e 4D
Ecografia 3D - Esami diagnostici femminili

Monitoraggio della ovulazione

La crescita follicolare ovarica, naturale o indotta farmacologicamente, viene monitorizzato con ecografie ripetute ad intervalli di 2 -3 giorni per valutare la crescita follicolare ed endometriale, fino al momento della maturazione follicolare. Questo monitoraggio ecografico può talvolata associarsi ad una valutazione ormonale per identificare con maggiore precisione il più corretto timing ovulatorio. 


SonoAVC - conta automatizzata del volume follicolare

Con ecografi di ultima generazione, è possibile andare a calcolare automaticamente il numero ed il volume dei follicoli ovarici (SonoAVC™ follicle).

Infatti, durante la stimolazione ovarica in corso di PMA, e' importantissimo andare a valutare la taglia dei follicoli ovarici, in modo da valutare il momento migliore per decidere il timing del pick-up.

SonoAVC usa la tecnica in 3D, che è molto più accurata rispetto al calcolo della dimensione dei follicoli con il metodo manuale in 2D.

Sonograpy-Based Automated Volume Count Follicle (SonoAVCFollicle) sectional planes

Studio Pervietà tubarica: sonoisterosalpingografia con gel (HY.CO.SY, Hysterosalpingo-contrast-sonography)

E' una nuova procedura semplice e ben tollerata dalle pazienti, per valutare la pervietà delle tube di Falloppio  e per rilevare anomalie dell'utero.

Il test richiede l'uso di un agente di contrasto per visualizzare la pervietà delle tube di Falloppio ( EXEM Foam GEL)

La procedura HyCoSy è una sicura e affidabile alternativa al isterosalpingografia convenzionale (HSG), che utilizza i raggi X e che la pazienti affrontano malvolentieri.

Attraverso il posizionamento di un piccolo catetere sterile nell'utero, viene iniettata la solozione ecoriflettente, e contemporaneamente viene eseguita un’ecografia pelvica trans vaginale 3D.

 


Colposcopia

La colposcopia è un esame diagnostico che consente di osservare il collo uterino ad alto ingrandimento, in modo tale da evidenziare la presenza di eventuali lesioni suggestive di infezioni virali ( HPV ed Herpes virus), batteriche e/o micotiche (candida). Inoltre, la colposcopia, in associazione all’esame citologico cervico vaginale (pap-test), si dimostra particolarmente affidabile nel diagnosticare eventuali lesioni pre neoplastiche o neoplastiche.


Isteroscopia

L’isteroscopia è un esame che consente, attraverso la visione diretta dell’utero dal suo interno, di diagnosticare patologie di vario tipo (isteroscopia diagnostica) e di effettuarne il trattamento (isteroscopia operativa)
Le strutture anatomiche analizzate:

  • Canale cervicale
  • Cavità uterina
  • Endometrio
  • Osti tubarici

Le principali indicazioni a sottoporsi a questa indagine sono:

  • Pregressi fallimenti di trattamenti di fecondazione assistita
  • Poliabortività
  • Indicazione ecografica
  • Perdite ematiche irregolari (cicli mestruali abbondanti, perdite ematiche in menopausa)

L'isteroscopia generalmente è ben sopportata dalla paziente che può avvertire talora una sensazione di lievi crampi addominali simili a quelli del ciclo mestruale.
L’esame viene generalmente eseguito senza somministrazione di sedativi o ricorso ad anestesia (possibile su richiesta della paziente, necessaria in casi rarissimi, ad esempio in donne affette da vaginismo).
Al termine dell’esame possono comparire piccole perdite ematiche che proseguono nei giorni successivi per poi interrompersi spontaneamente.

 


Chirurgia Resettoscopica

Consente un efficace trattamento di numerose patologie ginecologiche con tecnica minimamente invasiva e conservativa.

L’equipe chirurgica si avvale dell’isteroscopio operativo propriamente detto o Istero-Resettoscopio che, introdotto in cavità uterina attraverso il canale cervicale, consente allo stesso tempo di visualizzare la specifica affezione e di intervenire efficacemente su di essa.

I campi di applicazione di maggiore importanza dell’isteroscopia operativa riguardano il trattamento di patologie endocavitarie quali polipi endometriali, fibromi con componente sottomucosa, setti e sub-setti, malformazioni uterine complesse, Menorragia e Menometrorragia.
Tale procedura necessita di un ricovero in regime di Day-Surgery o di un ricovero esclusivamente limitato alle ore diurne.

Le principali indicazioni consistono in:

  • resezione di polipi endometriali di qualsiasi dimensione
  • resezione di miomi sottomucosi (cioè che sporgono in parte o del tutto nell’interno dell’utero (G0 - G1 - G2)
  • ablazione endometriale: asportazione dell’endometrio, la mucosa che riveste le pareti interne dell’utero, in caso di sanguinamenti uterini ripetuti e resistenti alle comuni terapie mediche locali o sistemiche.
  • malformazioni uterine quali utero setto o sub setto che possono provocare aborti o parti pretermine, mal posizione fetale o anomalie dell’inserzione placentare.
  • Sinechiolisi: rimozione di aderenze intrauterine che possono provocare amenorrea (mancanza di mestruazioni) e sterilità. Possono essere, seppur raramente, la conseguenza di raschiamenti, specie se traumatici e ripetuti, per aborti o interruzioni volontarie di gravidanza.
  • istmoplastica: correzione della cicatrice cervico-istmica che talora fa seguito all’intervento di taglio Cesareo e che può associarsi a perdite ematiche o muco-ematiche generalmente post-mestruali, talora associate a pubalgia.

 


Laparoscopia

E' una tecnica chirurgica che, mediante l'introduzione di un'ottica attraverso un piccolo accesso a livello ombelicale, consente di visualizzare gli organi addominali e pelvici e di valutare l’eventuale presenza di cisti ovariche e la loro natura, fibromi uterini sottosierosi, endometriosi, stati di flogosi pelvica e aderenze.

E’ indicata inoltre a scopo diagnostico, nei casi di infertilità inspiegata. Si esegue in anestesia generale in regime di ricovero di 2-3 giorni ed i nostri Consulenti sono in grado di garantire la completa assistenza ospedaliera durante la degenza

Richiedi una consulenza gratuita.
Un nostro responsabile ti contatterà

Informativa: i dati personali raccolti saranno utilizzati e trattati esclusivamente per l'erogazione delle informazioni richieste e non verranno perciò divulgati a nessun titolo.
Il visitatore di questo sito gode dei diritti di cui all’art. 13 del D.lgs. n.196/2003.

   

Codice antispam

antispam

Inserisci il codice antispam *

   
Inizio pagina